Sport

Si aspetta una reazione veemente e di qualità

Al San Nicola un rendimento migliore rispetto a quello esterno, ma la priorità sarà centrare i tre punti

I biancorossi sono la squadra con più pari e sabato pomeriggio di fronte troveranno la seconda squadra che ne ha fatti maggiormente, 12 contro i dieci dei granata guidati da Sandro Nesta. Il tecnico, ex Frosinone, che all’andata criticò aspramente il “non –gioco” del Bari, non ritroverà in panchina Michele Mignani ma comunque un Bar che la precede di due lunghezze e che spesso e volentieri quando è passato in vantaggio per ben sette volte si è fatta rimontare, come accaduto anche domenica scorsa. Sta di fatto però, numeri alla mano che al San Nicola nelle ultime tre gare ha realizzato sette punti, che se allargati agli ultimi cinque confronti come metro di paragoni ne ha conquistati dieci, con la sola sconfitta senza appello contro il Venezia.  In trasferta, invece il Bari non vince dal 29 ottobre in casa del Brescia e nelle ultime cinque gare ha pareggiato tre volte e perso per due, facendosi sempre rimontare, sia a causa di un blocco forse mentale e condizione fisica da rivedere, e nelle due sconfitte contro squadre sulla carta inferiori ha perso per gravi disattenzioni difensive. Serve assolutamente invertire il trend dei pareggi e tentare l’aggancio al treno playoff, anche se mancheranno di qui alla fine dopo la gara di sabato, sedici giornate per cambiare le sorti di una stagione iniziata con tante difficoltà. Da Puscas, arrivato venerdì scorso e gettato nella mischia nell’ultima mezz’ora e Menez, quest’ultimo entrato ad un quarto d’ora dalla fine, le cosiddette bocche di fuoco eccellenti, ci si aspetta una reazione veemente, cosi come da tutta la squadra che però dovrà fare ancora a meno di capitan Valerio Di Cesare, ma anche di Maiello, quest’ultimo ben sostituito da Benali, il quale a quanto pare sarà prossimo anche al rinnovo contrattuale di un altro anno. Molto probabilmente, stringendo i denti, ci dovrebbe essere anche Vicari che sarà affiancato da Matino con i terzini Ricci e Dorval mentre le mezzale, Edjouma e Maita. In attacco sicuramente dal primo minuto ci sarà Kallon da una parte e dall’altra Sibilli in vantaggio su Menez, e il perno centrale che dovrebbe essere Nasti preferito a Puscas. Di fronte ci sarà la Reggiana priva di quattro perdine fondamentali ma pronta a vendere cara la pelle per strappare punti pesanti al San Nicola. Quest’oggi alle 12.30 parlerà il tecnico Pasquale Marino che traccerà il consueto punto alla vigilia della gara, sicuramente non sbottonandosi e dando alcun riferimento su possibili scelte, mischiando ma si sa che mente le carte anche sui possibili partenti.

CALCIOMERCATO: VICINA LA CHIUSURA PER GUIEBRE – Nella giornata di lunedì al Bari è arrivato dalle file del Monopoli 1966, Edoardo Alloj che ricoprirà il ruolo di terzo portiere con Farroni che secondo indiscrezioni di mercato è molto vicino a passare all’Alessandria. Oltre al rinnovo di Benali, ancora non ufficializzato, il Bari dovrebbe trattenere Acampora salvo offerte last-minute con il placet del Benevento che ne detiene il cartellino. In dirittura d’arrivo il terzino sinistro Abdoul Razack Guiebre, di proprietà del Modena e soltanto dieci presenze nella stagione in corso. Il giocatore di spinta è impegnato con la Nazionale del Burkina Faso e martedì 30 gennaio disputerà gli ottavi di finale contro il Mali, nel caso di eliminazione e chiusura dell’affare, arriverebbe quanto prima. Diversamente il Bari, oltre a puntare sull’ex Monopoli, nel mirino del diesse Polito da un paio di stagioni, sta lavorando anche su profili di giocatori under, ed uno di questi è Milani del Pescara.  In uscita, Aramu, sul quale le società interessate potrebbero affondare il colpo negli ultimi due gironi della sessione di mercato. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.


Pubblicato il 26 Gennaio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio