Cultura e Spettacoli

Si conclude l’esperienza pugliese dell’eclettica cantautrice Lidia Schillaci

Grande successo e riscontro di pubblico del tour 'Al sole di Sicilia'

Si è concluso con grande successo e riscontro di pubblico il tour tutto pugliese ‘ Al sole di Sicilia’  della cantautrice Lidia Schillaci che, insieme all’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari, si è esibita nei giorni scorsi in numerose città e borghi del nostro territorio, tra Alberobello e Palo del Colle, regalandoci un apprezzatissimo affresco musicale dei più grandi cantautori siciliani, storici e contemporanei, un repertorio interamente arrangiato ad hoc dal Maestro Valter Sivilotti, Direttore dell’Orchestra per questo progetto. Da Franco Battiato a Rosa Balistreri, fino ai più contemporanei Levante, Colapesce e Dimartino, proposti al pubblico sedici pezzi rappresentativi della ricchezza, varietá e profondità della cultura siciliana e dei suoi numerosi talenti. In scaletta anche due pezzi inediti: Sole di Sicilia, composizione per sola orchestra dello stesso Maestro Valter Sivilotti, e Occhi Scuri, un pezzo scritto dalla stessa cantautrice. Una personalità eclettica quella della Schillaci, con una particolare predisposizione verso lo sperimentalismo musicale e la commistione di generi. Fin da bambina si appassiona al canto, avendo modo di fare esperienze importanti anche in giovane età. Ha studiato al conservatorio di Trapani perfezionandosi presso il Brass Group di Palermo. Il suo debutto risale al 2002 con la partecipazione al talent Operazione Trionfo. Nel 2006 prende parte con Eros Ramazzotti al tour europeo Calma apparente. Vocalist di Max Pezzali, affianca anche Elisa nel tour L’anima vola. La collaborazione con Eros Ramazzotti riprende nel 2013, con il tour mondiale Noi che farà tappa in Europa, America latina, America del nord e Australia. Protagonista nel programma televisivo di Rai 1 Tale e quale show nel 2019 si classifica al terzo posto e l’anno successivo pubblica il suo inedito “Noi non siamo Capaci” per omaggiare Giovanni Falcone e le vittime della mafia.

“Questa esperienza in Puglia è stata davvero meravigliosa, perché ho conosciuto tantissimi validi artisti e persone splendide. Attraverso la musica dei più grandi cantautori abbiamo proposto un viaggio nella Sicilia di ieri e di oggi. La reazione dei pugliesi è stata incredibile, e anche la loro capacità di comprendere il nostro dialetto. Un’esperienza assolutamente da ripetere. Il mio primo amore è stato il jazz, ma amo e rispetto tutte le esperienze diverse che mi hanno attraversata, e di cui racconto con la mia musica, perché fanno parte di me e mi hanno resa la persona che sono oggi.”

Rossella Cea


Pubblicato il 28 Giugno 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio