I giovani della Pro Calcio Bari, Gagliardi e Rotondo
19 Giugno 2021
Protocollo lumaca, sette mesi per una richiesta dal Comune al Municipio I
19 Giugno 2021

Sponsor Cup 20/21 festeggiato con il trenino della ripartenza

Si è svolto ieri pomeriggio lo Sponsor cup edizione 2021 al San Nicola di Bari, tra quattro formazioni della Ssc Bari, la prima con la divisa gialla, composta dal presidente Luigi De Laurentiis, il Primo Cittadino di Bari Città Metropolitana,  Antonio Decaro ma anche l’Assessore allo Sport, Pietro Petruzzelli, Pantaleo Roca, sempre nella formazione giallo, c’erano anche Robertto Maurantonio (preparatore dei portieri), Marcello Sansonetti (responsabile del progetto Bari Generation), con quest’ultimo autore del gol vittoria nel primo match, Domenico Bari (fotografo ed uno degli addetti alla comunicazione della società biancorossa) e tanti altri componenti, tra i quali Giuliano Antonicelli (resp.scouting settore giovanile biancorosso), Daniele Quarto, responsabile di Cube, mentre nelle altre tre formazioni biancorosse, rispettivamente con la terza divisa nera e la seconda (quella rossa), sponsor e partnership, come dirigente, invece, Antonello Ippedico, segretario generale e Responsabile del Settore Giovanile della Ssc Bari, il quale prima della partita ha messo la fascia del capitano al presidente LDL. Il torneo è stato organizzato secondo la modalità del quadrangolare con due tempi da dieci minuti e rigori in caso di parità. La prima sfida ha visto trionfare i gialli capitanati da Luigi De Laurentiis, braccetto di sinistra esterno in una sorta di 3-4-3 a ricordare Auteri, che nel pomeriggio stesso era arrivato sul sito del club il comunicato della risoluzione contrattuale. Con quest’ultimo che si potrà ora accordare con il Pescara, salvo questi hanno virato su qualche altro profilo, ma oramai, forse per fortuna, non è più una preoccupazione nostra. In quanto nel calcio si vince o si esce vinti, ma bisogna farlo con stile ed accettare anche il verdetto, cosa non fatta dal tecnico siciliano. Tornando al calcio d’estate, dopo la prima sfida si sono affrontate la formazione la formazione nera con quella rossa, con questi ultimi che si sono imposti per 7-5, anche in rimonta. Da registrare la presenza di famiglie sugli spalti in partic9olare nella tribuna centrale ovest ed a bordo campo, il personale autorizzato compreso gli addetti ai lavori, con la simpatica  e gentile concessione a scopo promozionale di ‘Steccolecco’ ai calciatori impegnati e tutti i presenti extra-campo oltre al servizio ristorazione e caffetteria. Una festa dello sport. Si sono, così disputate la finalina terzo e quarto posto che ha visto imporsi di misura i rossi. Nella finale primo e secondo posto, si è imposta ancora con il punteggio tirato di 1-0 i gialli di LDL, i quali al momento del gol hanno fatto partire il trenino, capitanati proprio dal presidente biancorosso. Un trenino di ripartenza seppur in un contesto totalmente amichevole e festoso, che sia così e le polemiche, l’appigliarsi a mezze frasi pronunciate in un contesto a margine di un festival cinematografico, come quelle proferite da Aurelio De Laurentiis che ha risposto che ‘Bari non è bassa macelleria’, lascia onestamente il tempo che trova e chi solleva inchieste parlamentari, per chiedere spiegazioni al sindaco, che ha pregato il patron del Napoli per rilevare il Bari, la risposta è arrivata tempestiva già da un giorno ad emittenti. Il sindaco, sia a Radio Selene –Passione Bari, e nella giornata di giovedì pomeriggio a margine di chi lo ha intervistato quando è uscito, ha ribadito la sua unità di intenti “Non ho contattato soltanto ADL ma anche altri imprenditori che pensavamo potessero avere la capacità di presentare un progetto perché la priorità da Primo Cittadino era salvare la squadra dalla città. Soltanto questo” Presente alla manifestazione della Ssc Bari, anche l’assessore allo Sport, Pietro Petruzzelli, molto attivo e dinamico in campo, il quale ha annunciato a margine della partita che nella prossima stagione verrà completata la sostituzione dei seggiolini nei settori previsti. Presente, non poteva mancare, Sabino Bartoli perché il suo inno ogni volta che risuona nel San Nicola è toccante, e chi lo conosce bene ricorda ancora le sue lacrime dopo Bari-Novara, 25 maggio 2016 terminata 3-4, ai nostri microfoni Sabino con voce emozionata ha detto: “Vorrei tanto tornare a vedere riempire gli spalti i tifosi biancorossi, Bari ha bisogno del suo dodicesimo uomo”, un messaggio che sottoscriviamo e chissà che come per l’Italia di Roberto Mancini che ha fatto innamorare milioni di italiani, ripartendo dopo un disastro combinato dal predecessore, possa verificarsi ed essere di buon auspicio anche in casa Bari. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 

 378 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *