Non si placano le critiche al Comune da Palese e Santo Spirito
3 Agosto 2022
“Il teatro è studio dell’umano, è come scalare una montagna di cui non vorrei mai raggiungere la sommità”
4 Agosto 2022

“Storia dell’estate. Almanacco illustrato”

“Chi l’ha visto? Ma voi l’avete visto? Ma come chi?  Il fantasma!”. Esordisce così lo spettacolo che ha chiuso la stagione estiva del castello sannicandrese, polo attrattivo di una cittadina, Sannicandro di Bari, che si  attesta sempre più fra le comunità con la vita culturale più fervente e poliedrica dell’intero hinterland barese. E allora giù con pala e secchiello, vanga e rastrello, ad abbracciare il pubblico un po’ stupito e un po’ divertito. “Storia dell’estate. Almanacco illustrato” è uno spettacolo scritto da Michele Fiore e interpretato da Francesco Zecca, artista leccese di casa a Roma ove percorre una carriera professionale fatta di successi e sperimentazione. Alla voce inebria Martina Zecca, e alla chitarra incanta Michele Russi. Uno spaccato degli ultimi quaranta anni raccontato ponendosi sempre in chiave ironica e divertente tanto da stimolare lo spettatore ad offrirsi una riflessione su quello che è e su quello che è stato. Dal 1980 al 2070, Francesco Zecca ripercorre la vita di un uomo con i suoi obiettivi, i suoi desideri, i suoi sogni e le sue manie senza tralasciare le sconfitte e le insoddisfazioni. Lo spettacolo spazia dalla lettura al canto e alla musica ,incantando un pubblico numeroso ed attento oltre che oggetto di svariati botta e risposta che lo rendono protagonista e non solo muto spettatore. Un altro grande successo da attestare alla Giunta guidata dal Sindaco arch. Beppe Giannone, il quale ha scommesso sulle attività culturali come volano della rinascita e della ripartenza. Ed è proprio dalle sue parole che comprendiamo lo spirito di questo impegno encomiabile “Abbiamo deciso di percorrere un cammino in continuità con l’esperienza del nostro precedente mandato, profondamente ammaccato dalla emergenza epidemiologica. Ci abbiamo creduto nonostante la lunga e forzata sospensione e oggi proviamo ad offrire un servizio di qualità alla nostra comunità”. L’autenticità delle parole del Sindaco viene resa ancora più chiara dall’Assessore alla Cultura, avv Gianfranco Terzo:” Abbiamo fatto una scelta di partecipazione e condivisione. Il nostro punto di partenza sono state le progettualità della associazioni del territorio che sono state convocate in incontri aperti e ci hanno proposto eventi di spessore e di grande rinomanza che abbiamo subito sostenuto. Si sono organizzati concerti ai quali l’amministrazione culturale ha molto ben volentieri offerto non solo il patrocinio ma anche il sostegno in termini di presenza e di partecipazione costanti. Ed è proprio sulla base imprescindibile della programmazione nata dal territorio che si sono innestai gli altri eventi che hanno abbracciato l’intero arco delle discipline artistiche. Presentazioni di libri (Annalaura Giannella e il suo “Il segreto della Maddalena”), mostre fotografiche come quella intitolata “ Gerewol-la danza della seduzione” a cura di Stefano Stano, tanta musica con concerti di musica classica a cura della associazione Mozart Italia “ Thesauri Harmonici”, concerto di arciliuto a cura della prof. Angela Lacalamita, fino al grande teatro. Si è partiti da Paolo Giovannucci e il suo “Rollato” per giungere a Sara Bevilacqua con il suo “Stocc’do” alla presenza di Pinuccio e Lella Fazio, fino alla “Storia dell’estate” con Francesco Zecca. Se le premesse dell’estate  sono state così scintillanti e variegate, chissà quali prelibatezze ci riserverà l’inverno!

 

Piero Ferrarese

 516 total views,  5 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *