La classifica sorride, ma ora testa alla battaglia di Avellino
30 Novembre 2021
Massimo Ciccozzi (epidemiologo): “Il Super green pass non è la panacea a tutti i mali”
30 Novembre 2021

Super green pass rinforzato? Ristoratori a favore ma con qualche riserva

Super green pass rinforzato? La maggioranza dei ristoratori a favore, con qualche voce dissenziente. Lo ricava il Quotidiano da questo giro di interviste. Partiamo da Dino Saulle, titolare a Ruvo del noto Upepidde a Ruvo, tempio dell’ottima carne e ristorante da urlo. Saulle è rappresentate dei ristoratori per Bari – Bat: ” Sono del tutto favorevole al green pass e alla sua forma rinforzata. Lo sono per la tutela nostra e dei clienti. Anzi, questo strumento ci fa lavorare con maggiore serenità e penso sia un fattore di tranquillità per i clienti. Noi del Upepidde già eravamo severi prima nei controlli e lo saremo sempre. Non ci importa avere un cliente in meno, ma pensiamo alla salute di tutti. Del resto se il virus torna a circolare dovremo chiudere e allora ben venga il green pass se serve a contenere il virus e lasciarci lavorare. Noi qui abbiamo subito minacce o reclami severi da parte di chi non aveva il green pass. Non ce ne importa niente. Invito i colleghi ristoratori ad essere ligi alla normativa. Un coperto in più non ci cambia la vita rispetto al rischio di chiusure generalizzate. Io non mi piego davanti alla prepotenza di chi non vuole mostrarlo. Chi pensa di agire nella illegalità vada altrove, non da noi. Lo abbiamo scritto su facebook”. Michele Matera del noto Corte in Fiore a Trani, ristorante di classe: ” Noi ristoratori non possiamo diventare gendarmi, questo è compito dello Stato. Però dico sì al green pass in quanto è utile sia a noi che alla tranquillità dei clienti. Noi lo chiediamo e rispettiamo con rigore la normativa”. Mauro De Pasquale, titolare a Bisceglie della nota ed affermata Antica Braceria e Trattoria Biscegliese, tempio della cucina di classe e di parmigiana da urlo: “Sono favorevole al green pass in tutte le sue declinazioni. Non comprendo chi si rifiuta di applicare la normativa, poi non ha diritto a lamentarsi in caso di chiusure generalizzate. Invoco attenzione e rispetto della legge. Che senso ha lucrare su due coperti e restare chiusi per due anni come è accaduto?”. Giancarlo Arcieri di Toruccio a Giovinazzo: Se il green pass rinforzato serve a permettere il lavoro ben venga. Bisogna rispettare la legge per il bene nostro e la sicurezza della clientela”. Domenico Sassanelli, titolare di Joseph a Bari: “Il green pass è utile e noi lo chiediamo perla salute del personale e la sicurezza dei clienti”. Diego Biancofofiore, titolare del noto Biancofiore a Bari Corso Vittorio Emanuele. “Certamente noi ristoratori siamo stati danneggiati, ma ben venga il green pass anche rinforzato se serve alla salvaguardia nostra e dei clienti. Noi siamo a favore”. In senso opposto il parere di Daniele Caldarulo, Black and White, ristorante di grido nella città vecchia di Bari: ” Io preferisco il tampone rispetto al green pass rinforzato. Prevedo che con questo strumento la nostra situazione peggiorerà. Parlo da imprenditore. Abbiamo impiegato anni per fidelizzare i clienti, ora basta un decreto per allontanare la clientela. Prevedo chiusure”.

Bruno Volpe

 

 436 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *