Modugno, arrestato il sindaco Gatti e il predecessore Rana
1 Dicembre 2012
Continuare a lavorare per dimostrare che la crescita non è finita
4 Dicembre 2012

Torna in un’aula di giustizia la ‘class action’ per il Petruzzelli

Torna davanti a un giudice e in un’aula di giustizia il caso infinito del Teatro Petruzzelli. Lunedì mattina, infatti, dinanzi al Giudice Civile presso il Tribunale di Bari si discute la “Class Action” avviata dagli avvocati baresi Luigi Paccione e Alessio Carlucci dopo la consegna del Politeama alla Fondazione, con un’azione legale che mira a dare certificazione giudiziaria all’assetto proprietario dello stesso Petruzzelli. Per le centinaia di cittadini che hanno sottoscritto l’azione legale, infatti, il teatro è proprietà del Comune di Bari e l’azione giudiziaria – che avrebbe dovuto avviare in realtà lo stesso Comune, secondo logica – mira a giungere ad una sentenza definitiva. In sostanza il giudice civile valuterà la ‘Class Action Procedimentale’ per affermare, come hanno anticipato più volte gli stessi avvocati prima di metterlo su carta da bollo, che il Teatro Petruzzelli “…era ed è solo ed esclusivamente della Città di Bari”.  In effetti anche la Regione Puglia ha deciso, con tanto di deliberazione di Giunta bollata e vidimata, di aderire all’azione popolare giudiziaria attivata, come detto, per la declaratoria della piena proprietà pubblica del Teatro Petruzzelli. Finora , infatti, tra gli enti pubblici è stata solo la Regione di Nichi Vendola e costituirsi in giudizio accanto ai promotori della ‘class action’ che sostengono che la proprieta’ del Teatro Petruzzelli di Bari, ricostruito interamente con denaro pubblico. “Con questa decisione – ha detto l’assessore regionale alle Attivita’ culturali, Silvia Godelli – l’Ente ribadisce la propria ferma posizione in favore della acquisizione del Teatro, interamente ricostruito a spese della collettivita’, alla proprieta’ pubblica, disconoscendo il Protocollo d’intesa del 2002 ed evocando la clausola di annullamento della concessione originaria a causa delle inadempienze dei Messeni Nemagna a proposito dell’obbligo di ricostruzione”. “Si tratta di una scelta che intende risolvere in modo definitivo – ha spiegato ancora la Godelli – tutti i problemi sul tappeto per permettere finalmente la restituzione del Teatro ai cittadini e alla cultura”.Il Petruzzelli, semidistrutto nel 1991 da un incendio doloso, e’ completamente ricostruito (anche se tuttora chiuso) ma non sono risolte le questioni giuridiche relative alla proprieta’ passate anche attraverso un esproprio deciso dal governo e annullato dalla Corte Costituzionale nel 2008. Il teatro, infatti, e’ privato ma sorge su suolo pubblico dato in concessione”. Dopo l’incendio, come si ricorderà, il restauro e’ stato reso possibile con ingenti risorse pubbliche anche grazie ad un protocollo d’intesa del 2002 tra proprietari, Regione Puglia, Provincia e Comune di Bari, la cui validita’ e’ messa in discussione dalla Regione. Dopodomani, dunque, comincia in Puglia il primo ’iter giudiziario’ che potrebbe portare a sentenza un’azione popolare.

 

Francesco De Martino    

 

 517 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *