Cronaca

Tumore del pancreas, un tampone per individuare i soggetti ad alto rischio

Non uno screening di massa ma un’analisi mirata verso soggetti con almeno due parenti affetti dalla patologia

Un tampone salivare, che studia un pannello di 41 geni di predisposizione, per individuare soggetti ad alto rischio di tumore al pancreas. All’Istituto Tumori “Giovanni Paolo II”, Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, è iniziato uno screening genetico sulle prime cinque persone che, tramite l’Ambulatorio pancreas dell’Istituto, sono state arruolate nel Registro IRFARPC, uno studio multicentrico di sorveglianza prospettica dei soggetti a rischio genetico di cancro del pancreas. Non si tratta quindi di uno screening di massa, ma di una analisi mirata verso soggetti con almeno due parenti affetti da cancro del pancreas.

“L’oncologico barese – afferma il Direttore generale Alessandro Delle Donne – da un anno aderisce al registro italiano di famiglie a rischio di cancro del pancreas e mette a disposizione consulenze ed esami per la diagnosi precoce. In dodici mesi sono stati 110 gli accessi ambulatoriali, 71 i soggetti arruolati, 25 con mutazioni genetiche, 46 con familiarità per cancro pancreatico, 35 hanno completato lo screening pancreatico con colangio RM e esami ematici. La sorveglianza radiologica è stata effettuata con risonanza magnetica sempre nel nostro istituto, per una presa in carico globale, da radiologi dedicati. Nel 20% dei casi i soggetti hanno richiesto e fruito di una consulenza psicologica, nel 10% di una valutazione nutrizionale. Ringrazio per questo tutto lo staff dell’ambulatorio pancreas».

Il team dell’ambulatorio è composto dal chirurgo Raffaele De Luca, dal medico genetista Margherita Patruno, dalla nutrizionista Antonella Daniele e anche da biologi e psiconcologi. “Abbiamo eseguito i primi cinque tamponi – spiegano De Luca e Patruno – che verranno analizzati in un laboratorio di Roma entro quattro settimane. La presenza di una variante patogenica permetterà di fare diagnosi di alto rischio di tumore pancreatico e a volte di tumore in altri organi”.

“Siamo per numero di soggetti arruolati nello studio – afferma il presidente del Consiglio di indirizzo e verifica Gero Grassi – il quarto centro in Italia. La nostra missione è sempre quella di orientare il paziente, il prima possibile, verso esami specifici o cure tempestive”.

 

 


Pubblicato il 10 Aprile 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio