Arif, per conoscere l’elenco dei lavoratori serve il ‘Libro Unico’, ma dov’è?
24 Novembre 2012
Spunta anche una lettera di d’Annunzio nell’archivio di Pasquale La Rotella
27 Novembre 2012

Un Bari arrembante torna a vincere ma ai tifosi non basta

Termina per 2 a 0 la prima delle due sfide in casa per il Bari; a segno capitan Caputo per due volte su calcio di rigore. Il Bari ha in mano il pallino del gioco sin dall’inizio, il Modena crea poco ed ha la possibilità di accorciare le distanze solo alla fine, grazie a qualche concessione arbitrale di troppo. Nei primi quarantacinque minuti i biancorossi sono padroni della metà campo e dettano i ritmi, i gialloblù si vedono poco dalle parti di Lamanna. Il risultato resta fermo sullo 0 a 0. Da incorniciare le personali iniziative di Fedato e Bellomo. I due ragazzi danno vivacità e spinta offensiva riuscendo a creare parecchio sotto porta.Il secondo tempo vede l’entrata di Defendi al posto di Galano, uscito per un infortunio alla spalla da verificare le sue reali condizioni nei prossimi giorni. Al cinquantaseiesimo della ripresa il portiere modenese Colombi viene espulso per aver bloccato il pallone con le mani fuori dall’aria, al Bari viene concessa una punizione dal limite respinta però dalla barriera. Cinque minuti più tardi il numero 19 Fedato viene atterrato in area dopo aver ricevuto una buona palla da Sciaudone. L’arbitro Fabbri concede il penalty. Caputo realizza l’1 a 0 spiazzando Manfredini neo entrato. Al sessantaseiesimo Ceppitelli viene espulso per doppia ammonizione. Al settantacinquesimo Stanco colpisce il palo per il Modena. All’ottantacinquesimo arriva il debutto dell’uruguaiano Aprile al posto di Fedato. Il sudamericano diventa subito incisivo; dopo un minuto serve Defendi sulla sinistra il quale viene atterrato in area modenese, l’arbitro concede un altro calcio di rigore battuto e realizzato ancora da capitan Caputo. Il Bari consegue la seconda vittoria consecutiva mostrando una crescita nel gioco e nei risultati. Intervenuto in conferenza stampa nel post match, il tecnico dei galletti Torrente si è detto felice della prestazione:” E’ una squadra che non sa giocare male, abbiamo meritato di vincere, son contento era importante dare continuità dopo la buona prova di sabato scorso su campo ostico come quello di Lanciano. Abbiamo superato un esame importante dopo un avvio contratto. Potevamo segnare altri goal e non abbiamo rischiato quasi niente. Sono soddisfatto perché é la seconda partita dove non incassiamo reti. Ricordo a tutti che abbiamo schierato due ’92 e due ’91, quasi una squadra primavera. Giovani però che non si sono lasciati per nulla intimorire.”Torrente poi è tornato sulla questione cessioni durante il prossimo mercato invernale, motivo della contestazione da parte della tifoseria, a seguito delle dichiarazioni fatte nei giorni scorsi dal direttore generale Garzelli e da Antonio Matarrese. :” Mi dispiacerebbe perdere alcuni elementi di questo gruppo, nessuno però mi ha informato di eventuali cessioni.”Riguardo alla tematica cessioni è intervenuto il direttore sportivo Guido Angelozzi nel post partita “Oggi abbiamo conquistato una vittoria di valore, nel secondo tempo siamo riusciti ad essere più concreti e cinici, portando a casa tre punti importantissimi. Per quel che riguarda i problemi societari devo attenermi alla volontà della proprietà, ma in ogni caso non venderemo i nostri gioielli.”Non la pensano così i tifosi. Domenica durante e nel fine partita a seguito delle parole dei massimi esponenti societari hanno fortemente contestato la volontà di vendere qualche giocatore già da gennaio per autofinanziarsi e far sopravvivere il club. Che piaccia o no la situazione debitatoria del Bari è risaputa, il 15 dicembre ci saranno da pagare i bimestri di stipendi settembre-ottobre e sempre intorno a quella data la prima rata della spalmatura del debito con l’Erario e l’ipotesi di veder andar via qualche prezzo pregiato non sembra poi così irreale. Sulla questione è intervenuto anche capitan Caputo mostrandosi contento per le due reti:” Torrente mi ha eletto rigorista della squadra e sono contento di aver ripagato la fiducia del mister, allenandomi molto e dando il massimo in partita. Non voglio fermarmi, continuando a segnare per il bene della squadra, era fondamentale tornare a vincere in casa. Ora sotto con il Sassuolo.” Il bomber barese è intervenuto anche parlando di mercato:” Noi dobbiamo continuare a fare il nostro lavoro, i problemi societari non ci interessano, se a gennaio dovesse arrivare qualche offerta importante per me, deciderò insieme al club.”Mettendo da parte ogni tipo di discorso extra campo, bisogna voltare immediatamente pagina. Arriva la prima della classe il Sassuolo, che sta procedendo ad un ruolino di marcia elevato. La nota positiva è che il Bari giunge a questa giornata nelle migliori condizioni fisiche e mentali, con le motivazioni giuste per potersela giocare a viso aperto senza alcun tipo di timore.

Davide Annicchiarico

 654 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *