Nessuna risposta da Emiliano sui Dpi cinesi, i consiglieri di Fdi si appellano a Loizzo
20 Maggio 2020
Bari e Reggio Audace soddisfatte, perplesso il presidente della Lega Pro Ghirelli
21 Maggio 2020

Un ricordo di buon auspicio per il futuro, la vittoria della Mitropa Cup

Esattamente 30anni fa il Bari alzava al cielo l’unico trofeo di carattere internazionale conquistato nella sua storia, ultracentenaria, ben 112 anni. Sul rettangolo verde dello stadio ‘Della Vittoria’, dopo aver battuto in finale il Genoa, i Galletti festeggiavano infatti la conquista della Mitropa Cup e la vittoria per l’ultima volta su quel campo che aveva regalato sfide epiche, perché successivamente sarebbe stato inaugurato lo Stadio ‘San Nicola’. La Coppa Mitropa era una manifestazione sportiva che coinvolgeva le squadre vincitrici dei campionati cadetti di varie nazioni tra cui Austria, Ungheria, Cecoslovacchia ed ex Jugoslavia compresa anche l’Italia. Quella del 1990 fu la quarantottesima edizione della manifestazione, e il Bari vi partecipava per la prima volta dopo aver concluso al primo posto il torneo cadetto della stagione 1989-90.
La competizione prevedeva due gironi da tre squadre ciascuno, per un totale di sei compagini partecipanti. Il Bari concluse il girone a punteggio pieno in virtù delle vittorie rispettivamente contro gli ungheresi del Pécsi MSC e gli slavi del Radnicki Nis, con un secco 3 a 0 in entrambe le occasioni. Il successo contro il Pécsi porta le firme di Monelli, Maiellaro e Joao Paulo mentre la vittoria contro gli slavi avvenne, grazie ad una doppietta di Scarafoni e un goal di Lupo.
La finale, disputatasi al Della Vittoria contro il Genoa, primo nel suo girone, terminò 1-0 in favore dei biancorossi con uno ‘scavetto ante – litteram’ di Carlo Perrone al quattordicesimo minuto grazie ad un cambio repentino di gioco e passaggio millimetrico effettuato da Angelo Terracenere. La Mitropa Cup cessò tuttavia di esistere nel 1992, anno in cui fu disputata l’ultima edizione vinta dal Borac Banja Luka. Il Bari del compianto presidente Vincenzo Matarrese ha così potuto scrivere il suo nome nell’albo dove avevano già vinto questo prestigioso trofeo: Udinese, Torino, Pisa, Bologna, Fiorentina, Milan ed Ascoli.  L’altra curiosità è che in quell’anno le italiane dominarono in Europa, il Milan di Arrigo Sacchi vinse la Champions League contro il Benfica, la Samp di Roberto Mancini e Vialli batté la squadra belga dell’Anderlecht, e la Juventus in una finale tutta italiana sconfisse la Fiorentina di Roberto Baggio che a fine di quella stagione, poco prima dell’inizio del Mondiale ’90, firmò il passaggio alla Juventus suscitando tanto clamore. Infine, altra curiosità che in quel Bari giocò un difensore ex nazionale italiana e della Roma, ma di proprietà del Lecce, Ubaldo Righetti che fu prestato esclusivamente per la disputa della Mitropa Cup, nel mese di maggio, una regola che consentiva alle società amiche di poter prestare i propri tesserati. Ci fu qualche mugugno da parte dei tifosi, ma nulla di più, il difensore da professionista che era ed oggi apprezzato opinionista televisivo per RomaChannel.tv ed in alcune occasioni anche per la Rai, fece il suo e diede il suo contributo alla vittoria della kermesse internazionale. A tutti tifosi biancorossi, gli auguri che quella vittoria sia di buon auspicio per il futuro e non resti un episodio isolato. Di seguito pubblichiamo anche i tabellini della partita vinta contro il Genoa del compianto prof. Scoglio. In quella finale non giocarono: la bandiera Giovanni Loseto, Pietro Maiellaro ed Antonio Di Gennaro per noie e fastidi muscolari, ma facevano comunque parte di quel gruppo straordinario che aveva conquistato la salvezza e con maggiore fortuna avrebbe potuto ambire anche ad un posto ancora più prestigioso, per giocare nell’Europa che conta.

TABELLINI

21 Maggio 1990, Bari, stadio “Della Vittoria” – Finale Mitropa Cup
BARI-GENOA 1-0
BARI: Mannini, Ceramicola, Carbone (dal 43′ st Amoruso), Terracenere (dal 22′ st Lupo), Righetti, Brambati, Perrone, Urbano, Joao Paolo, Gerson, Scarafoni (dal 16′ st Monelli). Allenatore:  Salvemini.
GENOA: Braglia, Ferroni, Caricola, Ruotolo, Collovati, Signorini, Eranio (dal 42′ st  Covelli), Florin, Fontolan, Urban, Rotella. Allenatore:  Gennari.
ARBITRO: sig. Branko Bujic (Yugoslavia).
RETE: 14′ pt Carlo Perrone (B).
AMMONITI: Caricola e Collovati (G).
NOTE: spettatori: 3.600. In panchina per il Genoa siede Gennari, vice dell’allenatore ufficiale Scoglio.

Marco Iusco

 

 

 473 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *