L’ex Presidente del Consiglio De Santis: “Scusa sindaco, ma che t’ho fatto?”
3 Aprile 2010
Regalecus Glene: in Adriatico il mostro degli abissi?
6 Aprile 2010

Uragano Emiliano, dalla segreteria alla presidenza della Regione

Le ragioni del cartellino rosso? Innanzitutto, Blasi -oltre ad essere segretario regionale- è anche consigliere provinciale nel salento. Quindi, qualora entrasse nella Giunta Vendola, ci sarebbe il problema del doppio incarico e Bersani non vuole grossi intoppi nel partito, specie dopo il periodo tragi-comico passato prima delle primarie (ed anche ora, visto il magro risultato ottenuto alle elezioni regionali). Questa è la dichiarazione che nei palazzi romani danno senza troppi mal di pancia. Quella altresì, più veritiera ma che viene raccontata sottovoce, mette al centro il Sindaco di Bari, Michele Emiliano. Che il  primo cittadino barese si sia stancato di fare solo il Sindaco ormai si sapeva già. Ma che gli iniziasse ad andare stretto anche il ruolo di Presidente del suo partito, no. A Roma e a Bari ne sono tutti convinti: Michelone rivuole indietro la sua segreteria e poi, avrebbe anche il solito sogno nel cassetto. Ovvero, fra 5 anni, lui alla guida della Puglia e Vendola  a Roma. Se per le prossime regionali la porta per lui è aperta, pare che non si possa dire lo stesso per la segreteria. Bersani non lo gradisce al posto dell’attuale, innocuo, Sergio Blasi. Ed è questo il motivo che probabilmente, impedirà al segretario del Pd pugliese di entrare a far parte della Giunta Regionale. Si  dovrebbe dimettere dalla segreteria, come vuole la prassi formatasi nel  Pd, e questo a Roma non va giù. A sorpresa invece, potrebbe essere schierato nell’esecutivo il fedelissimo del governatore rosso, Nicola Fratoianni, a cui andrebbe -dicono- l’assessorato alla cultura.  Per il resto, non ci dovrebbero essere grandi novità. I tempi per l’assegnazione delle poltrone però, dovrebbero slittare a maggio, per gli inevitabili problemi che porterà la questione del numero dei consiglieri (che potrebbe passare da 76 a 70). Nel frattempo, al Comune di Bari continuano a spararsi i nomi dei futuri neo Assessori, post rimpasto. Sono due i posti liberi e i “candidati” sono tanti. I vertici del governo cittadino però, di una cosa sono certi: Filippo Barattolo dell’Udc rimarrà al suo posto, come Assessore. Su questo -loro- ci mettono la mano sul fuoco. Ed è strano, visto l’appoggio che lo scudo crociato ha negato al centro sinistra nelle regionali pugliesi. Le malelingue se lo spiegano affermando che gli uddiccini, sostenendo Adriana Poli Bortone, hanno indirettamente favorito il centro sinistra, aggiungendo anche che la base casiniana ha  portato segretamente il Presidente Vendola. Di qui, danno una spiegazione alla serena posizione di Barattolo. Per la serie, un ringraziamento agli amici Udc. I vertici di Palazzo di Città invece, sono di un altro avviso: Emiliano gode della simpatia centrista e l’Udc si coalizzerebbe volentieri con lui; e visto che il Sindaco anela alla Presidenza della Regione fra cinque anni, si starebbe così tessendo la sua futura alleanza. Insomma, il gladiatore sta puntando su più tavoli, nella speranza di vincere quanto possibile. D’altronde, non gli è andata molto bene in questo periodo e quindi, ha tutti i motivi per sperare nell’antico detto “La ruota gira”.
Federica Stea

 

 573 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *