Trasferimento dei reparti pediatrici: montano le polemiche
28 Settembre 2012
Vampiri? Cose da “donnicciole e poveri contadini”
29 Settembre 2012

Verona- Bari, una sfida dalle tante prospettive

E’ il giorno di Verona-Bari, entrambe vengono da un buon avvio di campionato, i biancorossi senza penalità sarebbero stati secondi con due punti in più rispetto gli avversari.Il fattore casa per gli scaligeri costituirà l’ elemento in più; la caldissima tifoseria veronese potrebbe diventare il dodicesimo uomo ed un certo senso essere la chiave di svolta dell’incontro.I ragazzi di Torrente non dovranno assolutamente farsi intimorire, cercando di restare ancorati alle posizioni che contano, dando il massimo per far risultato.Arbitro della gara valida per il sesto turno della serie Bwin sarà il sig. Emilio Ostinelli, della sezione di Como, coadiuvato dagli assistenti il sig. Bianchi ed il sig. Bolano, mentre il quarto uomo sarà il sig. La Penna.Nell’Hellas, procede il recupero del terzino spagnolo Jose Crespo, la cui presenza per oggi era sembrata in dubbio da inizio settimana. Il difensore ha svolto gli ultimi allenamenti con i compagni, effettuando la rifinitura pre-partita a porte chiuse nella giornata di ieri. In forse non ancora al meglio il giovane Calvano. Rientreranno pienamente ristabiliti Grossi e Rivas. Per quel che riguarda il Bari, potrebbero essere rimescolate le carte, qualcuno potrebbe rifiatare. Ha scontato la squalifica Defendi, nuovamente arruolabile. Da capire se il tecnico di Cetara si affiderà al 3-4-3, dipenderà molto dalle condizioni di Albadoro, assente contro la Pro Vercelli, scalpita per partire titolare Galano, oppure ci potrebbe essere un probabile ritorno della difesa a quattro con un centrocampo più contenitivo e le ali pronte a costruire la spinta laterale assistite dai mediani che costruiscono il gioco.Dall’infermiera biancorossa arrivano buone notizie sulle condizioni di Filkor. L’ungherese, assente nelle ultime tre uscite, è tornato ad allenarsi con i compagni già dalla giornata di ieri e sarà convocato per la trasferta al “Bentegodi”.Nella conferenza stampa di ieri Torrente ha dichiarato che quella del pomeriggio sarà una verifica importante per i suoi, in cui si capirà se saranno maturi per fare il grande salto oppure no.La personalità ed il modo di prendere di petto la gara, fattori risaltati fin ora, sono le caratteristiche giuste per affrontare certi tipi di incontri; il mister lo sa bene, e vuole che la squadra continui su questi ritmi, senza timore reverenziale nei confronti di nessuno, mantenendo però l’umiltà giusta da piccola compagine. L’attaccante Iunco continua ad elogiare il gruppo, vero motore inarrestabile del perfetto avvio.Nel Verona, il tecnico Mandorlini potrebbe cambiare qualcosa, con l’entrata dal primo minuto di Bacinovic al posto di Laner, ma per sommi capi la formazione potrebbe essere la stessa di Varese 4-3-3 con Rafael in porta, Cacciatore, Moras, Maietta e Martinho in difesa, Jorginho, Laner o Bacinovic, Hallfreddson e Gomez a centrocampo, con Rivas o Carrozza a sostegno di Cacia in attacco.Da temere nei gialloblù oltre la punta ex Lecce, Cacia, le spinte laterali di Gomez, e le avanzate di Hallfreddson e Jorginho. Il Bari dovrà evitare troppo di specchiarsi, chiudendo tutti gli spazi, non regalando nulla ai padroni di casa, che se lasciati liberi d’agire, può concretizzare facilmente le azioni ottenendo delle valide azioni da goal. Da evidenziare il lavoro solido in linea difensiva dei centrali Maietta e Moras, e della spinta che può venire dalla sinistra con Martinho, il quale può sfruttare le sue doti di profondità da ex centrocampista.La sesta giornata rappresenta il pericolo maggiore per i galletti, e gli uomini di Mandorlini sono i veri favoriti per la vittoria del torneo e vorranno ripetere e migliorare il filotto di risultati utili realizzati lo scorso anno, riuscendo a centrare la promozione diretta. Capitan Caputo ed il resto dei compagni, arrivano a questo match con lo spirito giusto. Vincere o pareggiare a quest’oggi, rappresenterebbe la vera svolta della stagione sotto tutti i punti di vista sia economici che in termini di promozione.In casa dei veneti il Bari ha disputato ventinove incontri, di cui tre vittorie, undici pareggi e ben quindici sconfitte. L’ultima partita si è giocata durante lo scorso campionato con la sonora sconfitta dei biancorossi per quattro ad uno.La grinta dovrà far dimenticare quel risultato, speranzosi di continuare sulla strada tracciata. Il buon proseguo di stagione potrebbe portare all’aumento e alla valorizzazione dei giocatori di proprietà del Bari, il che non solo aiuterebbe a risanare la situazione indebitatoria, ma sarebbe un forte richiamo per l’avvicinamento di nuovi acquirenti.Coraggio ragazzi, è arrivato il momento per tornare grandi.

Davide Annicchiarico

 764 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *