Vivarini: “Massima attenzione e dobbiamo limare tutti gli errori”
16 Febbraio 2020
L’eroe si moltiplica per quattordici
18 Febbraio 2020

Vivarini: “Adesso è ora di spiccare il volo”

Tre punti pesanti del Bari che ha battuto nella ventiseiesima giornata l’Az Picerno. Non è mai semplice ed i risultati della ventiseiesima giornata dimostrano come ogni partita sia una battaglia, basta vedere la sconfitta inaspettata a Terni dei rossoverdi contro la Virtus Francavilla, ‘messa a ferro e fuoco’ al San Nicola o il pareggio del Potenza contro il Rende per 2-2 ed il pareggio della capolista Reggina in trasferta a Catania. ‘Una domenica bestiale’ come canta Fabio Concato di un campionato avvincente che a dodici giornate dal termine è ancora tutto possibile, ma serve continuare a correre e spingere sul chiodo per poter sognare la promozione diretta. Il Bari di Vivarini aveva tre elementi cardine e fondamentali, dal primo minuto contro la formazione della Basilicata, ovvero Valerio Di Cesare, il capitano al centro della retroguardia ed a fianco di Sabbione, poi Pippo Costa, terzino di spinta miglioratosi tantissimo in fase di copertura, e Bianco al centro della mediana biancorossa. A spostarsi laterale è stato Schiavone, mentre a supporto del miglior tandem d’attacco, come sempre Karim Laribi. Un Bari che come in quel di Monopoli ha iniziato in modo arrembante: al decimo minuto i pugliesi hanno trovato la prima rete siglata su punizione a parabola del numero dieci biancorosso, Karim Laribi. I Galletti, hanno avuto e preso coraggio ed a differenza di Monopoli, hanno continuato a spingere ispirati da Laribi a tutto campo e devastante con i suoi strappi ed infatti al trentunesimo su azione del giocatore ex Empoli, sullo sviluppo dell’azione Simone Simeri ha tagliato per Antenucci che di sinistro non ha lasciato scampo a Pani, il quale tra primo e secondo tempo ha subito il tiro a bersaglio dei biancorossi. Nonostante, il dominio della squadra barese, nel Picerno dell’ex Marco Romizi, si sono difesi bene e specie nella ripresa almeno in un paio di occasioni hanno impensierito Frattali. Nella ripresa, spazio dal venticinquesimo circa a Scavone, poi a Terrani (poco dopo la mezz’ora) ed inoltre anche a Folorunsho e D’Ursi, negli ultimi cinque minuti, rispettivamente per il capitano Valerio Di Cesare e Schiavone. Bari che anche nel secondo tempo ci ha provato prima con Simeri e successivamente con Valerio Di Cesare, ma Pane si è superato. Biancorossi che avrebbero potuto dilagare perché con Simeri, Antenucci sono stati murati oltre che dall’estremo difensore anche dal difensore rossoblu, Fontana autore almeno di un paio di clamorosi salvataggi. Il terzo gol è una bella storia da raccontare: Manuel Scavone che finora ha patito una serie di infortuni, grazie ad un taglio magistrale di Ciofani che gli ha pennellato un assist perfetto, di testa ha insaccato la palla nel sette. Partita che si chiude col punto esclamativo e testa alla prossima gara tra sette giorni, a Castellammare di Stabia contro la Cavese, per poi scendere in campo dopo tre giorni contro la Ternana. Guai a guardare la classifica accorciatasi, perché il Bari deve assolutamente continuare a macinare risultati utili e vittorie.

TABELLINI

26a giornata Girone C: Bari-AZ Picerno 3-0

Marcatori: 10’pt Laribi (B), 31’pt Antenucci (B), 37’st Scavone (B)

 

Bari (4-3-1-2): Frattali, Ciofani, Sabbione, Di Cesare (c) (40’st Berra), Costa, Bianco, Schiavone (40′ Folorunsho), Maita (24’st Scavone), Laribi (34’st Terrani), Simeri, Antenucci (34’st D’Ursi)

A disp.: Liso, Marfella, Costantino, Corsinelli, Pinto

All. Vincenzo Vivarini

 

AZ Picerno (3-5-2): Pane, Vanacore, Fontana (45’st Ruggeri), Pitarresi (c), Ferrani, Santaniello, Nappello (28’st Donnarumma), Guerra (28’st Cecconi), Priola, Vrdoljak (28’st Squillace), Romizi (9’st Esposito)

A disp.: Cavagnaro, Mancini, Ripa, Lorenzini, Melli, Orsi

All. Domenico Giacomarro

 

Arbitro: Sig. Alessandro Di Graci (Como) – Assistenti: Sig. Marco Ceccon (Lovere) e Sig. Cosimo Cataldo (Bergamo)

Ammoniti: Schiavone (B), Santaniello (P), Ciofani (B)

Angoli: 5-1

Recupero: 0’pt, 3’st

Spettatori: 11.584 (7806 abbonati; 214 ospiti)

Note: terreno in buone condizioni, cielo sereno, temperatura intorno ai 17°C

LA VOCE DEI PROTAGONISTI – In sala stampa il primo a parare è stato il tecnico dell’AZ Picerno, Giacomarro, molto sportivo e per nulla arresosi: “Faccio i complimenti al Bari, perché ha dimostrato di avere una squadra costruita per vincere che gioca un calcio propositivo. Noi abbiamo retto specie nel primo tempo, nonostante le due reti. Ma dobbiamo fare molto meglio come approccio e lottare per salvarci, in casa e negli scontri diretti”. Di altro parere e molto soddisfatto e disteso, mister Vincenzo Vivarini: “Questa sera sono tanto soddisfatto e non potrebbe essere diversamente. Una prestazione pulita, precisa, di qualità e con poche sbavature portata avanti con sicurezza, questa è la strada da percorrere”. Il tecnico biancorosso ha proseguito la sua disamina: “Siamo stati padroni del campo, giocando con personalità contro un avversario ordinato che poteva crearci difficoltà. Faccio i complimenti a tutti ragazzi. Di Cesare ha dimostrato quanto tiene a questa maglia, è il capitano ed ha un gran valore. Questa sera ho avuto la risposta di convinzione ed entusiasmo che volevo”. Infine la guida tecnica della compagine barese, Vivarini ha concluso: “Prestazione di livello in un momento decisivo. Noi ci siamo concentrati su di noi. I condizionamenti esterni sono da tenere fuori. Adesso cerchiamo di dare continuità, in crescendo, perché da qui ad aprile si decidono le sorti. E’ ora il momento di spiccare il volo. Queste prestazioni accendono l’entusiasmo a tutti i livelli”. Foto di Tess Lapedota

Marco Iusco

 

 304 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *